Skip to content

Pensieri a raffica

Appuntamento fisso della domenica: finisce il posticipo e butto giù due cose. Senza impegno, di getto e per divertirmi
L’Armani Jeans si è persa in quel quarto periodo contro La Fortezza. Oggi per la seconda volta non è stata in grado di proteggere un vantaggio, e nei finali di partita mancano opzioni sicure
Rocca e Thomas non sono go-to guy per le caratteristiche, Hawkins non ha (ancora ?) la forza mentale per esserlo con continuità. In più le assenze incidono soprattutto perchè la rotazione lunga poteva essere una carta da giocare per Bucchi
Ciò detto le assenze spiegano la classifica in parte. Ed idem dicasi per gli episodi nei finali. Anche perchè quando tornano Vitali e Bulleri bisognerà mettere mano al caso-Mordente e decidere cosa fare di Sangare, che sta giocando meglio del previsto (non necessariamente un affare)
La Premiata è solida, ben allenata e sta mettendo via punti che valgono fieno in cascina per il futuro. Con Garris e Hunter a fare da guida un campionato tranquillo è alla portata, ma ci sarà tanto equilibrio fino alla fine
Flamini è un difensore troppo sottovalutato. Trovasse una dimensione offensiva, farebbe il salto di qualità
Stavolta alla Virtus la rimonta con la zona non è riuscita. A volte le Vu nere mi sembrano gli Houston Oilers della run and shoot, i San Diego Chargers di Air Coryell. Squadre NFL che segnavano troppo presto e non avevano una difesa all’altezza dell’attacco
Al di là della tattica però il deficit di stasera è nell’atteggiamento, molle assai
Invece la Scavolini Spar ci ha dato che ci ha dato. Occhio ad Akindele, tempo 2 anni e viene buono che più buono non si può. Come Schortsianitis ed Eric Williams, altri due che han cominciato con Sacripanti
Non può essere un caso: Stanic, auguri, fuori per infortunio, Van Rossom non deve guardarsi le spalle, Tomassini è chiaramente la riserva e i conti tornano. Potrebbe valere anche per l’argentino, è solo che se non c’è una gerarchia chiara (ed i due sono abbastanza simili per valore) venti minuti a testa rischiano di giovare solo agli avversari
Tra l’altro Van Rossom è il primo play a portare Boykins con successo vicino al canestro
Biella distribuisce le segnature e vince ad Avellino. Due punti non pesanti, pesantissimi
2 ventelli di Pinkney nelle ultime 2. Ecco un altro giocatore con potenziale
Quando fai sembrare facili le partite è un buon segno. Per ora Siena e Roma, e non è una sorpresa, sono ben davanti a tutti
Per spiegarmi, se la mia vita dipendesse da un singolo possesso vorrei che lo giocasse la Virtus, forse anche la Fortitudo se Woods è in buona. Ma se dipendesse da 10 possessi punterei tutte le fiche su Siena
Avviso ai naviganti reatini: su un giornale locale avete letto che avrei mancato di rispetto a squadra e città (?????) definendo “partitina” in telecronaca quella persa dalla Solsonica ad Avellino. Assicuro di non aver mai volontariamente detto una cosa del genere, se c’è stato un inciampo verbale o un lapsus (per nulla freudiano) shit happens. Spero di aver chiarito, sono cose lontane mille miglia dalla mia mentalità.
Già che ci siamo: ma non si può vivere più rilassati ? Non si può evitare di dare a tutto quel che succede una veste sacrale ? Non si può evitare di interpretare maliziosamente tutto ? Non si può, vero ?
Come si suol dire, detto … fatto ! Il Corriere di Siena così si esprime:

Chissà perché, Flavio Tranquillo ama spesso pontificare di Mens Sana. Ieri, nel corso della diretta su Sky del match tra Milano e Montegranaro, è tornato virtualmente nell’inferno del Palascapriano di Teramo per garantire a tutti che il fallo fischiato su Stonerook nel finale non c’era. Affermazione tutt’altro che leggera, visto che dai 3 liberi del capitano è scaturita una vittoria in volata dopo un supplementare. Mentre lui si ergeva a paladino del basket nazionale, violentato nei suoi diritti da una decisione a suo parere regalata agli ospiti tricolori, la “sua” Armani Jeans incassava una bella lezione dalla Premiata e veniva punita dall’ex Garris. Della serie: non era meglio concentrarsi su quanto accadeva in campo e analizzare cosa sta succedendo a una protagonista annunciata che non decolla?
A me sembrava per la verità sembrava di aver dato un parere, sia pure senza chiedere il permesso prima, su una fattispecie tecnica. Vi riporto quanto scritto in settimana per comodità:
Ho visto solo gli ultimi due episodi di Teramo (male perchè la partita va vista per intero ma mi sono occupato di NBA in vista dell’opening night). Visto live a velocità normale sembra un fallo enorme di Jaacks. Visto il replay più close-up mi sembra un non-fischio, tendente al fallo di Stonerook. Nell’NBA fischiano consistentemente per l’attaccante, vedi Ginobili e Wade che fanno proprio esattamente quel movimento. Alle Olimpiadi a Ginobili non han dato ragione una sola volta, ed in un paio di occasioni Manu ha rischiato la crisi isterica. Basta mettersi d’accordo, perchè trattasi di episodio complesso, che dovremmo prendere come esempio per stabilire cosa vogliamo fare. Per me l’attaccante non “merita” un fallo in quella fattispecie perchè cerca lui il contatto, ma il difensore ha le sue colpe non essendo in controllo. A stabilire l’interpretazione autentica dovrebbe essere l’organo tecnico di riferimento.
Ogni commento è naturalmente superfluo

Non per dare uno zuccherino, ma la Solsonica per me è la più grande sorpresa stagionale. A Verona e Reggio Calabria sanno bene cosa sa fare Lino Lardo con i fichi secchi.
Tornando all’Armani Jeans, ci sono alcune domande cui rispondere prima di procedere a eventuali cambiamenti. La prima è: atleticamente la squadra ha un deficit strutturale o sono assenze e infortuni a renderla così inferiore alle avversarie ? Due: chi guida la macchina ? Se la risposta è Vitali (secondo me un grande del futuro) si tratta soprattutto di un investimento, perchè rientrando da un infortunio giocare tanti minuti con responsabilità sulle spalle non mi sembra la cosa migliore per un giocatore di rottura (non a caso al meglio lo scorso anno con Garris-Thomas-Minard a spalleggiarlo).

Published inHomepagePensieri a raffica