Skip to content

L’NBA legalizza il 4° tempo !

Come leggete sotto la NBA ha reso legale il secondo passo dopo aver raccolto la palla. Questa è una decisione epocale perchè modifica una regola che non era mai stata toccata in precedenza. Per intenderci, quel classico movimento di Lebron James su cui si è tante volte discusso diventa da oggi legale (e lui totalmente immarcabile se volete un’opinione). E’ comunque giusto che una cosa che veniva “perdonata” nel 95 % dei casi diventi totalmente approvata dal regolamento per non creare sperequazioni. Sarebbe bello riconoscere che anche gli arbitri FIBA un quarto tempo lo fischiano una volta su 1000, e quindi riscrivere la regola. Se ne parla magari tra 4-8-12 anni ….

NBA players will be able to take two steps before they have to stop, pass or shoot this season. The NBA has put into writing a rule allowing players on the move to gather the ball, after driving or catching it, and then take two steps. Throughout NBA history, the rulebook said players could take one step.

The new rule reads, in part “A player who receives the ball while he is progressing or upon completion of a dribble, may take two steps in coming to a stop, passing or shooting the ball.” It is believed to be the first time any league, at any level anywhere in the world, has explicitly allowed two steps.

In March, NBA vice president of referee operations Joe Borgia told TrueHoop’s Henry Abbott that referees had long been instructed to ignore the rulebook on this point and allow two steps. On a conference call with reporters earlier this week, NBA executive vice president of basketball operations Stu Jackson told Abbott: “Based on Joe’s comments, when you had a conversation with Joe, we did in fact tweak the language on traveling in this year’s book.”

Enforcement of the one-step rule has been hit-or-miss at every level of basketball. Archival footage shows NBA greats, from Magic Johnson and Pete Maravich to Bob Cousy and Julius Erving, getting away with two steps. Borgia, whose father was also an NBA official, said he cannot remember a time when NBA referees did not allow two steps.

Others insist allowing two steps represents an NBA strategy to aid scorers and make the league more exciting. Legendary point guard and current Knick broadcaster Walt “Clyde” Frazier says the league relaxed traveling standards some time ago to increase scoring.

“They go 20 feet to the hoop without dribbling one time,” Frazier said. “This is what they are getting away with nowadays. Some of them are so obvious. You’ll hear me on the broadcast saying ‘That’s a travel! Watch the feet!’ Wilt [Chamberlain] would have averaged 100 points a game if they had let him do that.

“When guys couldn’t put up points, about when they changed the hand-check rule, they made things easier for scorers, because these players can’t shoot like we did,” Frazier said. “Those few years when the Knicks were good [the early 1990s] — that wasn’t pretty basketball.”

Whether or not this will affect play on the court remains to be seen. Referees have long been instructed to allow two steps and in interviews with NBA players last season there was some confusion about the rule. But most said they thought they were allowed to take two steps.

Published inHomepageNba

49 Comments

  1. Hello There. I found your blog using msn. This is an extremely well written article. I will make sure to bookmark it and come back to read more of Flavio Tranquillo – Benvenuto nel mio sito . Thanks for the post. I’ll certainly return.

  2. Hey There. I found your blog using msn. This is a very well written article. I’ll make sure to bookmark it and come back to read more of Flavio Tranquillo – Benvenuto nel mio sito . Thanks for the post. I’ll definitely return.

  3. Wow, superb blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your site is wonderful, let alone the content!. Thanks For Your article about Flavio Tranquillo – Benvenuto nel mio sito .

  4. Wow, incredible blog layout! How long have you been blogging for? you make blogging look easy. The overall look of your site is fantastic, as well as the content!. Thanks For Your article about Flavio Tranquillo – Benvenuto nel mio sito .

  5. I loved as much as you will receive carried out right here. The sketch is tasteful, your authored subject matter stylish. nonetheless, you command get bought an impatience over that you wish be delivering the following. unwell unquestionably come further formerly again as exactly the same nearly a lot often inside case you shield this increase.

  6. Anconasud Anconasud

    Se non sbaglio (e vi prego di correggermi, nel caso) fino a qualche tempo fa, la NBA ha spesso modificato le regole in relazione ad evoluzioni tecniche, fisiche e tattiche della pallacanestro. Le varie aree dei 3 secondi ecc. sono sempre andate, o comunque molto spesso, nella direzione di tutelare le difese piuttosto che gli attacchi.
    Ma dall’introduzione del semicerchio infame, all’istituzionalizzazione del 4° tempo, agli hand check vietati (di cui parlò anche Scottie Pippen), si sta premiando oltre misura l’attacco e in particolar modo gli ‘attaccanti volanti’.
    Ma uno come LBJ o anche Kobe, Wade e chi volete voi, hanno bisogno di un regolamento compiacente per dare spettacolo?

  7. Fab5 Fab5

    …e invece non sono io a non aver capito…non ha importanza che ci fosse qualche “accordo” tra arbitri e “grandi giocatori”: molto semplicemente agli arbitri veniva detto “FISCHIATE X…anche se il regolamento dice Y”, oggi gli viene detto “FISCHIATE X (le X sono uguali…), lo dice ANCHE il regolamento!”. All’atto pratico di cosa viene fischiato la differenza è ZERO.

  8. giancarlo giancarlo

    @fab5: sei tu che non hai capito, lo so anch’io che prima veniva concesso, sopratutto in campo aperto, c’era una specie di accordo tra arbitri e i grandi giocatori, sopratutto nella regular-season, poi nei playoff cambiava l’aria e si sapeva sopratutto coi grandi arbitri (es.Dick Bavetta) .ora ogni volta che Lebron farà per esempio una riga di fondo, farà sempre un passo in più, visto che il ragazzo è già scarsino, cosa dovrebbero fare le difese? sopratutto contro un treno-merci del genere, vai a cercare lo sfondamento? eppoi che non sia una novità, non vuol dire che va bene così, ti faccio l’esempio di MJ (che ho adorato per anni), la frenata con la spintarella te la ricordi? era giusto non fischiare secondo te? anche quella come in questo caso gli era concessa perchè era un grande come lo sono LBJ, Wade, Kobe, ecc.. e continuerebbero ad esserlo senza l’aiuto di questa cosa, per me nel meraviglioso gioco del basket non esistono solo gli attacchi…

  9. Fab5 Fab5

    “Clamoroso”…”vergognoso”…ecc.ecc.ecc….scusate, ma evidentemente qualcosa non è chiaro: guardate che non cambia niente eh…fino al mese scorso gli arbitri sapevano che “X è legale” (non crediate che gli arbitri NBA di loro iniziativa fischiassero/non fischiassero certe cose, è stato detto, erano istruiti in una certa maniera…), ora sanno che “X (la stessa cosa) è legale”…in più lo è anche per le regole. Lo stesso sanno i giocatori, che ieri erano be consapevoli che gli arbitri avrebbero concesso DUE passi, e oggi, indovinate un po’, sono consapevoli che arbitri concederanno DUE passi.
    E non pensiate neppure che sia una “novità” degli ultimi 5, ma nemmeno 10 anni…Borgia (vice presidente ecc.ecc….in pratica uno dei grandi capi degli arbitri…) è stato molto chiaro: è così da sempre, ci sono filmati che vanno da Cousy a Magic a Julius Erving a dimostrarlo…e per quanto mi riguarda non ho problemi a ricordare Bird prendersi il suo bel tempo prima di mettere palla per terra dopo una ricezione a metà campo, o Hakeem cambiare perno, o i discorsi sul “saltello” di Barkley dopo la ricezione in post spalle a canestro, prima di palleggiare… .
    Ribadisco, andatevi a vedere il videorulebook…li un quarto tempo vero e proprio, fatto e finito, c’è…come ESEMPIO di una INFRAZIONE di PASSI, com’era ieri, come è oggi, e come sarà anche domani.

  10. Fabio Fabio

    Va bene la regola del “quarto tempo” nella NBA però in Italia riguardare quella del fallo antisportivo? Non si discutono gli arbitri, si discute la regola in sé. Flavio aiutaci tu.

  11. giancarlo giancarlo

    clamoroso colpo di spugna di David Stern!
    gli americani ci possono insegnare tante cose (vedi palla a due nella contesa, salary cup, ecc..) ma questa cosa nooo, è una porcheria…
    il basket usa fa un incredibile passo indietro tecnicamente, passi per i passi (bel gioco di parole) non fischiati a Datome sabato, perchè come si dice, non trae vantaggio da quel passo in più, ma nessuno si ricorda il passo del granchio di Lebron?
    Spero che passata la regular season ci ripensino, una cosa così da parte mia non sarebbe accettabile nei playoff, preferisco guardare la legadue… per fortuna che tra Fiba e Nba c’era armonia…

    • Flavio Flavio

      non difendo la posizione nba, ma nn si capisce perchè datome va bene e dire ufficialmente che datome va bene è uno scandalo …. mi manca un pezzo

  12. Bongio Bongio

    Verissimo, meglio adesso che è regola piuttosto che prima dove venivano concessi solo alle superstar… adesso tutti possono farlo!

    E’ comunque uno schifo assoluto, se già per andare in NBA (negli ultimi dieci anni) dovevi essere atletico e saltare con questa regola forse sarà ancora peggio.

    Vedremo…

  13. Edoardo Edoardo

    Voglio aggiungere alla discussione una prospettiva sociologica. Penso, infatti, che questo cambiamento di regole continuo, questa necessità di rin-novare, celi una incapacità, un fallimento del basket ad imporsi al grande pubblico o comunque a riuscire nell’intento di proselitismo che questa attività legi-ferativa si prefigge.
    Una prova di questo assunto è data dal fatto che la regola in questione costituisce una “china fatale”(se volete un punto d’inizio) di cui una volta iniziata la discesa porterà con sè altre decisioni di questa importanza capaci di togliere qualsiasi identità al basket che conoscevamo.
    Ovvero, detto in altre parole, aver permesso all’NBA la possibilità di cambiare una regola fondamentale-strutturale-sufficiente e necessaria affinchè si parli di pallacanestro, significa aver riconosciuto in capo all’America la potestà di stravolgere questo sport a seconda delle contingenze-preferenze del tempo.
    Io credo, al contrario, che NON tutto può essere modificato nemmeno a maggioranza: signori, è in gioco l’IDENTITA’ stessa del basket.
    Oggi questa regola può sembrare innocua e nemmeno troppo influente visto il suo passato di consuetudine(aggiungerei contra legem); ma in realtà costituisce l’avocazione(l’auto-assegnazione) della potestà di plasmare il basket come si vuole e, sopratutto, come piace ai consumatori di questo tempo e di questa generazione.
    Signori, per chiarire, oggi l’NBA ha detto: “Il basket è mio, e se voglio cambiarlo perchè a me piace lo faccio perchè non devo rispettare nessuno e nessuna legge”.
    Fidatevi presto vedremo altri scempi di questo tipo giustificati “dal progresso”: la deriva del basket è incominciata.
    La soluzione in realtà può pervenire da altre strade: il basket non deve cambiare all’ INTERNO per piacere al pubblico, ma deve essere(non è facile me ne rendo conto) publicizzato e introdotto nelle scuole, all’interno dell’opinione pubblica, e così ,pian piano, avrà un pubblico appasionato e seriamente interessato a seguire questo sport. Ovvero, permettere a questi super-atleti di fare il salto in lungo per andare a schiacciare forse incollerà qualche allibito spettatore davanti allo schermo, ma questo solo perchè avrà visto un gesto(bello per carità) espressione di un mega-atletismo e non perchè ama il basket con la sua tecnica e con le sue mille sfumature.
    Si rischia di raccogliere un pubblico che vuole vedere solo schiacciate, ultra-salti etc. etc. etc.
    Diciamo basta al NBA ed a questa politica di spettacolarizzazione che sta togliendo identità al basket e, a fortiori, togliamo agli americani l’idea che il basket lo possono cambiare come gli piace e gli pare.
    Il basket merita un pubblico serio ed appassionato non persone attratte da muscoli e super-prestazioni.

  14. Lasciando perdere le contrapposizioni NBA-resto del mondo e le tesi più o meno velate sul fatto che Lebron non sarebbe un giocatore tecnico (bestemmia totale così come lo era quella di qualche anno fa su Shaq, che veniva “bollato” alla stessa maniera), ripeto che da amante del gioco del basket questa è una regola che non mi piace per niente.
    E trovo assurdo il fatto che, per esempio, una virata come quella di Wade nel video sarà considerata regolare (pur essendo comunque passi, se non veniva fischiata prima figuriamoci adesso) e un terzo tempo facendo tre passi invece che due continuerà ad essere irregolare, quando con la modifica introdotta le due situazioni dovrebbero essere, dal punto di vista regolamentare, identiche.

  15. Andrea Andrea

    A proposito di gente anti-NBA. L’ Olympiakos è stato sonoramente battuto nelle 2 esibizioni che hanno giocato negli USA. Non solo questo, alcuni ex giocatori americani hanno accusato la squadra greca di non essere stati pagati e c’è pure scappata una minaccia di morte fatta da qualcuno vicino ai fratelli Angelopoulos (i proprietari della squadra). Siamo onesti: se una squadra NBA veniva in Europa, veniva distrutta da 2 squadre europee, veniva accusata di non aver pagato alcuni ex giocatori europei che avevano giocato in questa squadra e mandava minacce di morte a questi giocatori o ai loro agenti, tutti voi anti-NBA ne direste di tutti i colori verso il basket americano. Ma siccome la squadra in questione è l’ Olympiakos, una squadra europea, ignorate l’ argomento come se nulla fosse accaduto.

    Sono proprio queste le ragioni per cui le persone anti-NBA mi fanno incavolare.

  16. giuseppe giuseppe

    per me è una bella merda
    si premiano gli atletoni-scimmie (non leggeteci razzismo) mentre tutti quei giocatori che hanno buttato il sangue sui fondamentali si vedranno saltare in testa dal lebron di turno che fa 2 passi quando raccoglie palla e tre prima di partire
    bello, davvero.

  17. Andrea Andrea

    Vi ricordo che cmq il gioco NBA è velocissimo e molte volte è impossibile x gli arbitri determinare se un giocatore ha fatto infrazione di passi o meno visto che sono questioni di decimi di secondo. Quindi, il motivo x cui hanno deciso di legalizzare i 2 passi nn è soltanto +chè vogliono aumentare lo spettacolo, ma è anche perchè si sono resi conto che, considerata la velocità del gioco NBA, è difficile molte volte (non sempre, ma molte volte) determinare se un giocatore ha fatto passi o meno. Voi siete tutti bravi a dire che un giocatore ha fatto passi dopo aver visto milioni di replays da centinaia di miliardi di angolature diverse, ma in tempo reale (specialmente a livello NBA, considerata la velocità del gioco) è difficilissimo determinare se un giocatore ha fatto 1 o 2 passi. Pensateci prima di gridare allo scandalo.

    Alcune persone anti-NBA mi stanno veramente sui cosiddetti. Sempre a criticare l’ NBA, comunque e dovunque, vero? Ma vogliamo scommettere che la vera ragione per cui vi piace criticare l’ NBA così tanto è gelosia o addirittura anti-americanismo in alcuni casi? Per esempio, se il campionato italiano fosse considerato il miglior campionato di basket del mondo con i migliori giocatori del mondo (come lo è la NBA) e se la nazionale italiana avesse vinto la medaglia d’ oro alle Olimpiadi (come nel caso di Team USA), sono sicuro al 200% che NESSUNO di voi si sognerebbe di criticare il campionato italiano. Anzi, direste che è bellissimo, fantastico, spettacolare ecc ecc. Ma allora perchè non fate lo stesso con la NBA? Come ho detto, è questione di gelosia o anti-americanismo. Punto. Non vi va il fatto che sia il campionato di basket + seguito al mondo.

  18. boole boole

    scusate ma continuo a non capire: nel video che ha postato Flavio, Wade fa un arresto a TRE tempi. passi. con le nuove regole (due passi permessi dopo la chiusura del palleggio) sarebbe ancora passi…dove sbaglio?

    • Flavio Flavio

      quello di wade rimane passi … ma il punto è bene centrato da andrea, si tratta di frazioni di secondo … stasera datome ha fatto un terzo tempo + 1/4 …. per me è giusto lasciarglielo ed ufficializzarlo … se qcuno è di diverso avviso fa bee a sostenerlo … atleti o men peròo, c’entra proprio poco onestamente, anzi … e ancora meno c’entra europa vs. usa … almeno, io la vedo così

  19. fortitudino fortitudino

    vergognoso

  20. Massimo Massimo

    Nell’azione mostrata dal video, il movimento di Wade dovrebbe essere sanzionato nel momento stesso in cui muove il perno durante la virata. Dopodiché lo solleva, e lo riappoggia per terra prima di tirare.

    Due infrazioni di passi nella stessa azione. Ora tutto questo divente legale?

    • Flavio Flavio

      no, wade non è legale neppure adesso

  21. Emanuele Emanuele

    io sono totalmente contrario. non capisco perché bisogna tacitamente accettare il quarto tempo, né perché adesso la NBA lo legalizzi addirittura. questa nuova regola non fa altro che spostare drasticamente l’asticella a favore dell’atletismo, a tutto svantaggio della tecnica. e soprattutto renderà ancora più duro il lavoro dei difensori.

  22. Edoardo Edoardo

    Rispondo al mio omonimo Edoardo….mi sembra forse un po’ eccessivo accusare questa di essere una decisione determinata da una lobby o dal volere assoluto del mercato.
    Per carità, da questa regola difficilmente Jason Kapono trarrà grandi benefici, al contrario magari di un Jamario Moon e questo è sicuramente un peccato.
    Ma insisto nel credere che questo sia un atteggiamento volto al progresso. Nella NBA i passi sono da molti anni un cavillo di non facile soluzione e può essere che magari questa decisione aiuti le zebre nei fischi (e nei non fischi).
    Potra essere un buco nell’acqua(come lo smile dell’area pitturata) o una scelta impopolare (pallone non canonico o dress code solo per citare due esempi), ma sicuramente credo che la NBA e D.Stern non remino proprio contro il basketball, anzi credo che facciano molto molto di più dei loro colleghi FIBA, anche nello spirito del gioco.
    Rimango e rimarrò scettico a proposito di questa regola, rimango e rimarrò contario alle politiche ( repubblicane?) di Stern e del suo staff, ma dire che la NBA rovina la pallacanestro non posso accettarlo.

  23. Flavio Flavio

    http://espn.go.com/blog/truehoop/post/_/id/6035/nba-traveling-we-really-don-t-reference-the-rulebook

    Mi rendo conto che la questione sembri di lana caprina, ma si può cercare di riassumere così: vengono autorizzati i due passi “e mezzo”, non i 3 completi. Un giocatore che in Italia usa questo tipo di movimento molto bene è Valerio Spinelli. Quest’estate l’ho visto fare molte volte a Marco Mordente. Sergi Vidal, Rimas Kaukenas. Ci son tanti giocatori europei, e tantissimi NBA, che fanno questo movimento. Io credo che sia meglio autorizzarlo in maniera palese ed inequivoca che non tollerarlo come “consuetudine”

  24. Andrea Andrea

    Non cambia nulla rispetto agli anni passati. L’ unica differenza è che da quest’ anno diventa legale.

    l’ altro giorno l’ NBA ha aperto questa sezione all’ interno del suo sito dove vengono spiegate, con esempi video, tutte le varie chiamate. Splendido. E non solo, verrà aggiornato di continuo durante la stagione.

    http://www.nba.com/videorulebook/

  25. Alessandro Alessandro

    ma mandateli a giocare a pallamano se devono camminare con la palla in mano…
    personalmente non trovo giusto che siccome una cosa viene fatta da molti giocatori (e dal “prescelto”…) debba diventare regolare poi va bè la nba è un business basato sullo spettacolo (anche se non capisco perchè uno che corre con la palla in mano sia piu spettacolo di uno che sappia usare il piede perno alla Holajuwon) ma spero proprio che la fiba non si adatti ne ora ne in futuro!!

  26. Da “purista” del basket, ‘sta cosa proprio non m piace. Al momento non so valutarne le possibili conseguenze ed ho un grosso dubbio, che chiedo gentilmente a Flavio di risolvere: se sono solo in contropide e vado a segnare con quello che fino a stamattina chiamavo “terzo tempo”, ora posso fare tre passi invece dei canonici due? Se è così, mi piace ancora di meno…

  27. Diego De Palma Diego De Palma

    mi sembra una stupidaggine. Se avendo come regola uno step se ne facevano due, non è che avendone due se ne faranno tre? credo sarebbe stato più logico specificare una regola sulla ricezione in atterraggio da salto o sul “passettino di equilibrio” in ricezione o raccolta del palleggio in velocità.

  28. Flavio non pensi che adesso il problema si sposti un passo più in là??? secondo me c’è il rischio che adesso a Kobe e LeBron i passi concessi siano 2 e mezzo…!!! spero di no, però…

  29. Massimo Massimo

    Per me, il gioco dopo una modifica del genere non si potrà più chiamare basket. Sarà quello che volete, ma non più basket.

  30. cespo cespo

    ok. lo facevano già.
    però legalizzare questo movimento sposta nel continuum tecnica atletismo l’asticella troppo verso destra. Premia giocatori atletici ai danni dei giocatori tecnici, penalizza i difensori che se già prima facevano una fatica incredibile a tenere il terzo tempo di giocatori o velocissimi o molto compatti, ora dovranno veramente dannarsi l’anima.
    Secondo me, come la regola del fallo difensivo nel cerchio sottocanestro, una regola che penalizza troppo la difesa, anche quella di squadra.
    Io, che preferisco uno sfonda ad una schiacciata, od un aiuto ben fatto ad alley hoop, non sono molto d’accordo.

  31. Edoardo Edoardo

    Flavio ti chiedo solo una cosa: “Possiamo fare tutto quello che possiamo fare?”. Io credo di no e credo che l’NBA stia rovinando uno sport facendo di esso tutto quello che (il mercato) vuole.
    “De albo nigrum et de quadrato rotundum”(leggi: i passi che non sono più passi e viceversa) lo possono fare solo istituzioni democratiche, no lobbies che pensano solo a speculare ed arricchirsi.
    Quale sarà la prossima rivoluzione imposta in nome del progresso??? Una palla che entra da sola nel canestro magari attratta da una calamita??? Ma siamo seri!!!
    Saluti.

  32. Diego Diego

    Secondo me si da troppo vantaggio al fattore atletico con questi cambiamenti. La tecnica passerà sempre di più in secondo piano.

  33. Concordo con Luca: ma nelle competizioni FIBA come si adegueranno loro (gli NBAer)?
    Flavio, puoi spiegare il vero perché di questa regola? Com’é entrata sui parquet questa usanza del passo in più? Chi l’ha “inventata”?

    Sarebbe interessante una disamina tecnica, nel vero senso della parola, di questo aumento di un passo…cosa comporterà per i difensori e cosa per gli attaccanti? Cambieranno le distanze di marcatura?

  34. andrea andrea

    flavio, al riguardo potresti fare un bel video con qualche esempio di ciò che prima non SAREBBE stato consentito e che lo sarà in questa nuova annata? grazie

  35. Peppe Foti Peppe Foti

    Scusate l’off-topic ma credo farà piacere a molti leggere di coach Winter:
    (Art. Los Angeles Times)

    Tex Winter plans to attend Lakers’ ring ceremony
    The longtime consultant, who suffered a stroke in late April, wants to be there for the opening game against the Clippers on Oct. 27.
    Tex Winter

    Longtime Lakers consultant Tex Winter plans to attend the team’s ring ceremony on opening night after spending most of the summer in an assisted-living apartment in Oregon recovering from a stroke in late April. (Perry C. Riddle / Los Angeles Times)

    The Lakers are planning a big celebration for their ring ceremony on opening night, but one person’s appearance might mean the most.

    Longtime Lakers consultant Tex Winter is planning to attend.

    Winter, 87, spent most of the summer in an assisted-living apartment in Oregon after suffering a stroke in late April while attending a basketball reunion in Manhattan, Kan.

    The modern-day architect of the triangle offense has slowly been recovering, demonstrating good comprehension and an ability to say specific words, though he still has trouble formulating sentences.

    The Lakers are hopeful he can make it to their Oct. 27 opener against the Clippers.

    “Tex has been a vital part of our success over the last decade and is obviously a very important person to Phil Jackson,” team spokesman John Black said. “It would mean a lot to us to have him present for the ceremony.”

    Jackson visited Winter in Oregon shortly after the Lakers won the championship in June.

    Last season marked the 63rd year of earning a basketball-related paycheck for Winter, who played at Huntington Park High and USC before taking his first coaching job as an assistant at Kansas State after World War II.

    Winter suffered the stroke while getting ready for a reunion at Kansas State, where he coached the men’s basketball team that advanced to the NCAA Final Four in 1958.

    There will be other Lakers at the ring ceremony, including a member from each of their previous nine championship teams in Los Angeles.

    The former players are Jerry West (1972 team), Norm Nixon (1980), Jamaal Wilkes (1982), James Worthy (1985), Michael Cooper (1987), Magic Johnson (1988), A.C. Green (2000), Rick Fox (2001) and Robert Horry (2002).

    “In tying it in to our 50th anniversary celebration in Los Angeles, which we’ll be doing events throughout the year, we thought this would be a way of making this ring ceremony unique, special and different from other ring ceremonies,” Black said.

  36. Stefano Stefano

    sono totalmente contrario,spero che il basket FIBA non prenda il peggio dalla nba come già ha fatto con il semicerchio.

  37. zeppfan zeppfan

    Mi pare di non aver capito. Ma x me nn è quarto tempo, si possono già fare due passi dopo avere raccolto il palleggio, o no????? Più che fare chiarezza questa cosa fa ancora più confusione secondo me.

  38. boole boole

    scusa ma vengono concessi due passi dopo aver fermato il palleggio…il terzo tempo consiste appunto di due passi dopo aver chiuso il palleggio…questa regola non legalizza il quarto tempo, ma ad esempio “depenalizza” i passi su partenze in corsa (classici di ogni contropiede nba)…fatto abbastanza grave secondo me…

  39. emme emme

    a me sembra una cosa un po’ folle….scusate è come se rubare (magari una cosa piccola tipo un pacchetto di caramelle) visto che lo fanno in tanti e che nessuno ti arresta da domani diventa legale.
    Poi sarà la volta delle stoppate sulla parabola discendente? o del doppio palleggio quando ininfluente? o per similitudine dell’evasione fiscale?
    non voglio fare polemica ma a mio avviso le regole vanno cambiate quando migliorano lo spettacolo ed il gioco, non perchè non vengono rispettate. Il basket ormai pare avere preso una deriva inarrestabile verso la “fisicità” e l’atletismo, la tecnica perde sempre più importanza e questo mi pare davvero un peccato. Io ho giocato a pallavolo per anni e una cosa simile è successa anche nel mio ex sport quando hanno reso possibile la ricezione in palleggio, i tocchi “sporchi” in difesa ed hanno introdotto il libero. Oggi la cosa più importante è saltare e picchiare forte, ricevere e difendere ci si arrangia, la battuta flottante non serve più a niente etc etc. Spero che anche il basket non si “sputtani” Saluti

  40. Gabriele Gabriele

    Sbaglio o parla di due passi permessi prima dell’arresto, del passaggio o del tiro? Invece non dice che sia permesso fare 2 passi prima di palleggiare.
    La maggior parte delle infrazioni di passi permesse dalla NBA e non dalla FIBA sono su ricezione e palleggio, queste non rientrano nella regola? Anche gli arbitri FIBA effettivamente chiudono spesso gli occhi su ricezione-passi-tiro, ma prima di farne una regola ci vorrebbe l’ammissione del non fischio.

  41. Francisco Francisco

    Non è che forse vedi i passi anche quando non ci sono? non sono poche le volte in cui prendi dei granchi killer anche guardando il replay. Spesso hai ragione tu, ma ormai sei al limite dell’ossessione. Basta basta basta sentire nelle tue cronache:” passi quarto tempo passi passi si però passi erano passi passi netti quinto tempo 8 appoggi passi passi.”

  42. ma questo è incredibile….
    usa un pezzo avanti…

  43. Edoardo Edoardo

    Credo sia da sottolineare soprattutto un’aspetto che va molto al di là dell’aspetto tecnico:
    La Nba non ha paura di cambiare e si adatta ai tempi (anche tecnici come vediamo) che corrono. Sembra pura banalità, invece è, a mio avviso, una delle chiavi vincenti dello Stern, che pure si dichiara consevatore. A cambiare si prendono dei rischi e spesso si cade in errore (Dress Code?), ma alla fine sembra essere una formula vincente sotto un aspetto, quello manageriale-amministrativo, decisivo per ogni lega professionistica di pallacanestro che si dichiara tale.
    Mi piacerebbe sentire Dino Meneghin su questa scelta della Olympic Tower.
    Grazie a tutti è davvero un bellissimo blog questo!

  44. iacopo iacopo

    Personalmente credo fosse inevitabile prendere una decisione del genere anche se forse è arrivata nel “periodo non proprio giustissimo” (visto il flusso di europei o comunque extra-americani). Speriamo che gli italians non si abituino troppo bene…

  45. luca luca

    bhè la trovo una cosa giusta solo per l’Nba anche se mi viene subito in mente una cosa; ma poi quando si torna a giocare i campionati del mondo come la mettiamo??ci si adegua come sempre a quello che dice l’Nba visto che ci sono gli americani o gli si fischia ogni tanto,lasciando tutto invariato…

Comments are closed.