Flaviotranquillo Forum

Follow Us on Twitter
Follow Us on Facebook
Follow Us with Rss

Author Topic: Stagione NBA 2017-2018  (Read 143 times)

dura-lex sed-lex

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 587
    • View Profile
Stagione NBA 2017-2018
« on: October 06, 2017, 04:33:54 PM »
Alcuni pronostici nostrani sui team nel campionato prossimo venturo:
http://www.gazzetta.it/Nba/22-09-2017/nba-ranking-warriors-rockets-cavs-220774772637.shtml
http://www.wilditaly.net/power-ranking-nba-2018-43150/
http://www.nbapassion.com/nba/nba-passion-app/nba-power-ranking-201718-prima-parte-97145/5/#.WdegtGi0PIU
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19087/nba-2017-18-power-ranking-15/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19093/nba-2017-18-power-ranking-14/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19100/nba-2017-18-power-ranking-13-pacers-e-mavs/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19117/nba-2017-18-power-ranking-12-knicks-e-jazz/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19145/nba-1017-18-power-ranking-11-lakers-e-nets/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19157/nba-2017-18-power-ranking-10-magic-e-kings/
http://www.baskettiamo.com/baskettiamo/archives/19169/nba-2017-18-power-ranking-9-hornets-e-blazers/

Anche in America mettono nei piani altissimi Boston, Houston e San Antonio.
Le prime due squadre hanno aggiunto importante talento offensivo nel motore ma devono trovare la chimica giusta (con tanti galli nel pollaio non è cosa semplice e/o immediata e lì non siamo come a Oklahoma dove si sa già qual è la star che comanda); inoltre mi sembrano disporre di un roster non coperto in ogni reparto e per ogni evenienza.
Starò poi particolarmente attento all'evoluzione stagionale degli Spurs, che a fronte di un candidato MVP come Kawhi e degli 'storici' over 31, devono trovare almeno un altro giocatore affidabile a certi livelli e non è detto che ne dispongano (a me piacciono Dejounte Murray e Rudy Gay: nel primo ci rivedo una sorta di Jamal Crawford ma deve fare ancora tanti passi avanti, fisici e tattici; il secondo deve dimostrare una volta per tutte di poter stare al tavolo dei grandi e chissà se avrà la personalità giusta).
Ecco, se una delle tre frachigie non arrivasse ai risultati individuati dai più non sarei sorpresissimo.

Un aspetto economico che, per quanto importante, quest'anno dovrà essere valutato da chi di dovere:
http://www.calcioefinanza.it/2017/09/22/nba-bilanci-rosso-2016-2017-basket-diritti-tv/


dura-lex sed-lex

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 587
    • View Profile
Re: Stagione NBA 2017-2018
« Reply #2 on: October 10, 2017, 11:28:29 AM »


dura-lex sed-lex

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 587
    • View Profile
Re: Stagione NBA 2017-2018
« Reply #4 on: October 13, 2017, 10:00:02 AM »
Mi interessa vedere che annata farà Teodosic (assieme al reparto guardie dei 'velieri' losangelini):
tanti (non solo tra chi si diverte sui fora) ne incensano le qualità come adattabilissime anche tra i pro e addirittura lo vedono, oltre che miglior passatore NBA, anche ROY...
https://www.youtube.com/watch?v=NAiVqmJ0RCE
https://www.youtube.com/watch?v=g6R33ndyGpQ
https://www.youtube.com/watch?v=G1KfZyqmr_Y
...dimenticando forse quante difficoltà hanno incontrato altri fuoriclasse europei in PG (alti, non atletici, non famosi per la fase 'dietro' e dalle mani incantevoli) arrivati in USA già maturi, cioè sui 30 anni come Milos (penso a Sasha Djordjevic, Antoine Rigaudeau, Sarunas Jasikevicius...).
I Clippers presumibilmente avranno spesso in campo 3 'omoni' sotto le tabelle (Gallinari, Griffin e soprattutto DeAndre) che sulla carta sconsigliano agli avversari entrate avventate in area, tanto da facilitare un po' i compiti difensivi di MT che oltretutto a fianco dovrebbe avere un mastino come Beverley.
Mi chiedo però fino a quanto si guarderà alla bellezza del gesto rispetto alla redditività nel risultato che potrebbe forse arrivare, meno entusiasticamente ma più probabilmente, da una coppia che vede il suddetto Patrick con Lou Williams (anche se costui oramai si è abituato al ruolo di sesto uomo on fire uscendo dalla panca).
Coach Rivers inizialmente potrebbe essere tentato di provare pure un duo formato dal 'nostro' Teo + suo figlio che, tra tutti gli esterni lì contemplabili, porterebbe certamente maggiori divertimenti offensivi e biglietti venduti ma anche meno W in classifica.
Certo è che se Austin quest'anno non ne scrive almeno quindici di media (come ora come ora pronosticherei anche considerando i punti e gli spazi che gli sono stati lasciati dai CP3, JJ Redick e Jamal Crawford, emigrati in altri lidi) non potrà più togliersi l'etichetta di 'ammanicato' che ha vissuto una carriera NBA duratura soprattutto grazie al babbo.

dura-lex sed-lex

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 587
    • View Profile
Re: Stagione NBA 2017-2018
« Reply #5 on: October 16, 2017, 03:35:28 PM »
La mancina di Geffone in vetta alla top 10 plays della preseason:
https://www.youtube.com/watch?v=r311nU1ts-k

Le 10 migliori azioni, sempre in PS, delle matricole:
https://www.youtube.com/watch?v=4cIRCh5GecE

dura-lex sed-lex

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 587
    • View Profile
Re: Stagione NBA 2017-2018
« Reply #6 on: October 18, 2017, 12:27:49 PM »
Non c'è niente da fare:
come programma la NBA gli eventi non lo fa nessuno!

Subito, all'esordio, due partite memorabili:

Il Barba, supportato da Gordon e PJ Tucker (non da Paul), batte i campioni
https://www.youtube.com/watch?v=h0hEYSEvYRI

LeBron subito vicino a una imperiale tripla doppia per superare l'ex compagno fedifrago e i rivali a Est.
https://www.youtube.com/watch?v=IxA-KvqfxE8

La prima giornata verrà ricordata soprattutto per l'infortunio di Hayward.
Ora Boston investirà ancora di più sui due giovani J. Brown e J. Tatum che, peraltro, già stanotte si sono messi in mostra.
Suppongo che titolare diventerà Marcus Smart (che forse è il miglior giocatore da mettere accanto a Irving - e valorizzarlo - per formare il reparto guardie).
I Cavaliers adottano immediatamente il quintetto 'piccolo', con Love centro e Jae Crowder a dividere i ruoli di ala con LBJ (costui peraltro deus ex machina e vero play della squadra).

Ad Ovest l'altro scontro che odora di Finale di Conference (almeno sulla carta) vede 3 grandi capi dei Warriors (Curry, Durant e Green) 'bene ma non benissimo', il quarto (Klay) che continua a sembrarmi il quarto per importanza e dalla panca esce il migliore odierno della squadra: Nick Young.
La sconfitta deve servire in Baia per capire che giocare con le marce ridotte, confidando solo nel proprio talento, senza cattiveria, non giova contro certi avversari.

pacifico

  • Sr. Member
  • ****
  • Posts: 451
    • View Profile
Re: Stagione NBA 2017-2018
« Reply #7 on: October 18, 2017, 09:17:06 PM »
Jaylen Brown continua a piacermi parecchio, adesso vediamo quanto Smart ha lavorato sul tiro, Horford sui nervi ed Irving sulla difesa.
Già parecchi minuti per James, malino la percentuale al tiro da tre di tutta la squadra.

Non mi aspettavo si facessero rovinare la festa, quelli di GS. Swaggy (da oggi "il Ciondolone"  ;D) si è già ambientato, corta (troppo) ma buona la panca di Houston con i nuovi arrivi.
Un cosa sul flagrant a PJ Tucker: non son d'accordo con Marco Crespi (come se gliene fregasse a qualcuno!  ;D) ma non ci ho trovato nulla di "non necessario" o "dimostrativo" nell'azione. Il fallo non è bastato, Durant aveva preso la palla con due mani e si stava coordinando per il tiro, gli ha dato la classica mazzata, nemmeno troppo violenta per gli standard NBA. Cercava di impedire il gioco da tre punti, secondo me.  :-[